Mangiare Consapevole vs Mangiare Intuitivo

Se hai sentito parlare di Intuitive Eating (il mangiare intuitivo), potresti chiederti come sia diverso. C’è molta sovrapposizione tra il mangiare consapevole (Mindful Eating) e il mangiare intuitivo, ma sono due metodi distinti.

Mentre entrambi implicano prestare maggiore attenzione a cosa e come mangiamo, il consumo intuitivo è più una risposta a tendenze malsane e diete, mentre il Mindful Eating è più un cambiamento di stile di vita che accompagna una maggiore consapevolezza generale.

Sebbene i due metodi si completino a vicenda e abbiano significative sovrapposizioni, ci sono alcune differenze importanti.

The Centre for Mindful Eating definisce il mangiare consapevole come metodo che ti consente di:

  • Prendere coscienza delle opportunità positive e di nutrimento che sono disponibili attraverso la selezione e la preparazione del cibo rispettando la tua saggezza interiore.
  • Usare tutti i sensi per scegliere di mangiare cibo che sia soddisfacente per te e nutriente per il tuo corpo.
  • Riconoscere le risposte al cibo (simpatie, antipatie o neutralità) senza giudizio.
  • Acquisire consapevolezza della fame fisica e dei segnali di sazietà per guidare le tue decisioni per iniziare e finire di mangiare.

Per quanto riguarda il mangiare intuitivo, esistono dieci principi di base che lo definiscono come un metodo di alimentazione che funge da netta contrapposizione alle diete a base di carboidrati, no-carboidrati, digiuno che riempiono le nostre bacheche sui social media. Questi principi fondamentali sono:

  1. Rifiuta la mentalità dietetica
  2. Rispetta il tuo senso di fame
  3. Fai pace con il cibo
  4. Sfida la voce interiore che giudica il cibo come “buono” o “cattivo
  5. Rispetta il senso di sazietà
  6. Scopri il fattore di soddisfazione
  7. Rispetta i tuoi sentimenti senza usare il cibo come strumento
  8. Rispetta il tuo corpo
  9. Esercizio fisico: scegli cosa ti piace e ti fa sentire bene
  10. Rispetta la tua salute e “riscopri il piacere di mangiare” .

In conclusione, sia il consumo consapevole che quello intuitivo sono modi leggermente diversi per aiutare le persone a riprendersi dalla cultura della dieta e sviluppare un rapporto più pacifico e armonioso con il cibo e il loro corpo. 

Lascia un commento